Appello per la costruzione di una mobilitazione contro il pacchetto sicurezza del Governo

/* Style Definitions */
table.MsoNormalTable
{mso-style-name:”Tabella normale”;
mso-tstyle-rowband-size:0;
mso-tstyle-colband-size:0;
mso-style-noshow:yes;
mso-style-parent:””;
mso-padding-alt:0pt 5.4pt 0pt 5.4pt;
mso-para-margin:0pt;
mso-para-margin-bottom:.0001pt;
mso-pagination:widow-orphan;
font-size:10.0pt;
font-family:”Times New Roman”;}

/* Style Definitions */
table.MsoNormalTable
{mso-style-name:”Tabella normale”;
mso-tstyle-rowband-size:0;
mso-tstyle-colband-size:0;
mso-style-noshow:yes;
mso-style-parent:””;
mso-padding-alt:0pt 5.4pt 0pt 5.4pt;
mso-para-margin:0pt;
mso-para-margin-bottom:.0001pt;
mso-pagination:widow-orphan;
font-size:10.0pt;
font-family:”Times New Roman”;}

E’ in corso al Senato la discussione del “Pacchetto
sicurezza”
(DdL 733), che provocherà una grande trasformazione del quadro
normativo italiano, già fortemente repressivo e discrezionale nel suo impianto.
Le norme contenute nel Pacchetto, infatti, prevedono una politica
esplicitamente fondata su misure segregazioniste e razziste
per le persone
migranti, con o senza permesso di soggiorno, le prime ad essere additate come
figure pericolose e causa di “allarme sociale”, e su nuove ed ancora più
drastiche misure repressive contro chiunque produca conflitto e non rientri
dentro le strette maglie del controllo.

Questo è solo l’ultimo passo di un disegno politico
che, attraverso una serie di leggi, ha portato ad un crescente restringimento
delle libertà di tutte e tutti
, tramite la criminalizzazione del
dissenso e degli stili di vita
.

Dietro la loro sicurezza si nasconde la volontà di non
affrontare la precarietà di vita che coinvolge tutte e tutti noi: il
razzismo e la paura vengono usati per farci rassegnare a queste condizioni e
farci restare chiuse e chiusi in casa e nei nostri luoghi di lavoro
. Usare
il razzismo e la paura come strumento di pacificazione sociale ha portato alla proposta
di legalizzare le ronde dirette a reprimere i comportamenti giudicati “non
conformi”
ed alla reintroduzione del reato di oltraggio a pubblico
ufficiale
.

L’obbligo di dimostrare l’idoneità alloggiativa per
ottenere l’iscrizione anagrafica colpisce migranti, senzatetto, occupanti di
casa e chiunque non possa permettersi un’abitazione “idonea”. Le norme
anti-graffito
e l’inasprimento delle norme per il reato di
danneggiamento
, colpiscono tutti i cittadini e le cittadine che non si adeguano
alla retorica del “decoro urbano”.

Ma le norme del pacchetto sicurezza colpiscono in primo
luogo le persone migranti.
Se il Pacchetto sarà approvato chi è senza permesso di soggiorno corre il rischio di essere denunciato
dal medico se va al Pronto Soccorso, non potrà riconoscere figli e figlie,
sposarsi e inviare soldi a casa
. Il Ddl introduce inoltre: la detenzione nei CIE (ex CPT) per 18 mesi;
una tassa sempre più alta per la
richiesta e il rinnovo del permesso di soggiorno;
controlli ancora più stretti
per acquisire la cittadinanza; il reato
di ingresso illegale nello stato.

 

Questo delirio securitario esplode mentre i governi
decidono di sostenere le aziende e le banche in difficoltà, invece di pensare a
nuove poltiche sociali di sostegno alla cittadinanza colpita dalla crisi.
Scaricando, tra l’altro, tutto il lavoro di cura sulle donne: in quest’ottica,
l’unica immigrazione che sembra piacere è quella delle “badanti”. Ai sindaci
ed ai prefetti sceriffo si attribuiscono nuovi poteri
, mentre il Ddl Carfagna
criminalizza e stigmatizza le persone prostituite, imponendo norme di
comportamento a tutte e tutti. La loro soluzione alla crisi è il governo
della paura. La risposta, in Italia come in Europa, da Milano a Castelvolturno,
da Atene a Malmöe…è stata un grido di rabbia e libertà
:

 

NON ACCETTIAMO LA SOCIETA’ DEL RAZZISMO, DELLO SFRUTTAMENTO
E DEL CONTROLLO!

 

Crediamo sia importante continuare a stare in piazza oggi
per rifiutare questo stati di cose e rivendicare libertà, diritti ed
autodeterminazione.

-Contro il Pacchetto sicurezza ed i modello di società che
propone

-Per l’abolizione immediata della legge Bossi-Fini, perché
perdere il lavoro a causa della crisi rappresenta per le persone migranti una
condanna alla clandestinità

-per la regolarizzazione di tutte e tutti

-Contro il legame tra permesso di soggiorno e contratto di
lavoro, dispositivo di controllo che imprigiona le persone migranti e rende
precaria la vita di tutte e tutti

-Contro la criminalizzazione di chi fugge da guerre e
persecuzioni

-Contro le classi separate per i bambini e le bambine
stranieri

-Contro la militarizzazione dei confini, delle città e delle
strade

-Contro l’ansia e la paura in cui vorrebbero farci vivere

-Per ripensare insieme un’idea di cittadinanza che
garantisca a tutti i diritti fondamentali e la libertà di scelta e di
movimento…

 

VENERDI’ 23 GENNAIO ASSEMBLEA
PUBBLICA ore 19:00 Ex cinema Volturno

SABATO 31 GENNAIO, CORTEO CITTADINO
A ROMA, ore 15:00 Porta Maggiore

 

Il percorso autorganizzato di costruzione delle mobilitazioni
ha visto la crescente partecipazione di numerose realtà: dai e dalle migranti
di Castelvolturno, agli studenti ed alle studentesse, alle scuole in
mobilitazione, ai movimenti di donne, femministe e lesbiche, ai centri sociali,
ai comitati di cittadini e cittadine, di lavoratori e lavoratrici, ad artiste
ed artisti, ai/alle rifugiat@ ed ai/alle richiedenti asilo.

Invitiamo tutte e tutti a partecipare, a moltiplicare le
iniziative anche nelle altre città ed a coordinarci per dare più voce alla nostra
rabbia.

NOI NON ABBIAMO PAURA!

 

Rete contro il pacchetto sicurezza                                    per info: pacchettosicurezza@anche.no

http://nopacchettosicurezza.noblogs.org

This entry was posted in Iniziative. Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *