Il valore dell’informazione nella difesa dell’antifascismo – Città dell’Altraeconnomia – 23 Aprile 2008

il valore dell’informazione

nella difesa dell’antifascismo

ne
parliamo con

Carlo
Bonini
,
giornalista de “la Repubblica

e con

Eduardo
Di Blasi
, giornalista de “L’Unità”

23 Aprile, alle  ore 17.00, 
presso la sala Renato Biagetti -Città dell’Altraeconomia

.

 

 

Aggressioni, risse, danneggiamenti a luoghi
storici della città hanno creato a Roma un brutto clima
”. Perfino un
giornale come l’Osservatore romano alcuni mesi fa ha sentito la necessità di
rilevare come l’ennesimo atto aggressivo (contro la lapide a Porta San Paolo)
diventa inevitabile "quando si mette
sullo stesso piano chi ha combattuto per la libertà e chi era dall’altra parte
".

Da troppo tempo,
e solo in Italia, si tenta di mediare tra la cultura antifascista e quella
fascista, tentando di riscrivere la storia della guerra di liberazione e della
Resistenza.

Revisionismo
storico a cui giornali, editoria, televisione e radio hanno offerto
amplificazione, con uno scopo preciso: sdoganare i fascisti al crepuscolo,
quelli di Salò, che sono andati a riempire le fila del partito dei moderati.

Nell’ultimo
decennio abbiamo così assistito al rinascere e proliferare di gruppi
neofascisti e neonazisti che, grazie ad un atteggiamento di “tolleranza” delle
istituzioni, hanno assunto sempre più, un forte connotato aggressivo, razzista
e intollerante, facendo presa su alcune fasce giovanili.
I media, più diffusi e ascoltati, affrontando questi fenomeni, sembrano aver
fatto propria la rimozione storica  dei
valori della resistenza, interpretando aggressioni e i riferimenti  al fascismo e al nazismo come forme di
esuberanza giovanile, ‘fenomeno di costume’, con  personaggi nuovi e stimolanti con cui, in
qualche caso, civettare.

Per proporre e
chiedere un’informazione documentata e approfondita, per discutere del valore
che l’informazione rappresenta nella difesa deiprincipi antifascisti della
Costituzione, ci incontriamo con Carlo Bonini di Repubblica e Eduardo Di Blasi
dell’Unità

Comitato Madri per Roma città Aperta,

 

 

This entry was posted in Le iniziative delle Madri per Roma Città Aperta. Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *