Roma, raid neonazista al Pigneto

Un gruppo con il volto coperto da foulard con la svastica
ha distrutto le vetrine di due alimentari e di un call center

Roma, raid neonazista al Pigneto
Picchiato un extracomunitario

Alemanno: "Atto di gravità inaudita, puniremo i colpevoli"
Gli abitanti del quartiere in piazza contro razzismo e xenofobia

<B>Roma, raid neonazista al Pigneto<br>Picchiato un extracomunitario</B>

Il quartiere Pigneto

ROMA
– Una vera e propria spedizione punitiva al grido di "Sporchi
stranieri" e "Bastardi". Nel mirino gli extracomunitari del quartiere
Pigneto a Roma. Oggi pomeriggio un gruppo di venti ragazzi, guidati da
un uomo, con i volti coperti da foulard con la svastica, ha fatto
irruzione in un alcuni negozi di una delle zone più multietniche di
Roma. In via Ascoli Piceno i teppisti hanno danneggiato due vetrine e
un frigo bar di un negozio di alimentari e le vetrine di un call
center. In via Macerata sono stati assaltati un altro alimentari ed è
stata infranta la vetrata del portone di un’abitazione. Un
extracomunitario del Bangladesh è stato picchiato dalla banda. "E’
stato colpito da una bastonata e non ha avuto bisogno di andare a farsi
medicare in ospedale", hanno raccontato alcuni testimoni.

LA GALLERIA FOTOGRAFICA

La squadraccia è arrivata improvvisamente di corsa, tenendo in mano
assi di legno, e si è scagliata contro l’extracomunitario. Tanta la
paura nel quartiere, dove sono molti gli immigrati che gestiscono
attività commerciali. Tutti sono scappati e molti hanno chiuso le
saracinesche dei negozi.

Il primo ad essere assaltato è stato un negozio di alimentari in via
Macerata, gestito da quattro anni da un immigrato indiano al quale sono
state distrutte a bastonate le vetrine esterne. Successivamente, gli
assalitori si sono diretti nella parallela via Ascoli Piceno, dove sono
state mandate in frantumi le vetrine di una lavanderia-phone center e
di un altro alimentari, entrambi gestiti da cingalesi. L’alimentari è
stato il più colpito dal raid, con la distruzione di un frigo e della
merce presente sugli scaffali, soprattutto bottiglie di birra e vino.

Una cronista dell’Agi, testimone dell’episodio, ha tentato invano di
chiamare il 113, per molti minuti, ma nessuno ha risposto (Audio: il racconto della giornalista).
Dopo pochi minuti, la banda è scappata e molti abitanti del quartiere
si sono riversati nelle strade e si sono affacciati dalle finestre per
capire cosa fosse accaduto.

"Non capiamo perché sia avvenuto questo attacco – hanno detto i
bengalesi titolari della lavanderia di via Ascoli Piceno – Siamo da
anni qui, lavoriamo, paghiamo le tasse e mandiamo i soldi a casa. Cosa
abbiamo fatto?".

Il Pigneto è un quartiere popolare della Capitale dove si trovano il
centro sociale Snia Viscosa, uno dei più grandi e attivi della
capitale, il Bar Necci, famoso per essere stato il bar di Pier Paolo
Pasolini, e una storica sede dell’Associazione Nazionale Partigiani
Italiani. Dopo l’aggressione gli abitanti del quartiere sono scesi in
strada per manifestare il loro rifiuto di ogni forma di razzismo e
xenofobia.

Il quartiere, a metà anni ’90, ha conosciuto una rinascita che lo ha
portato a essere luogo di ritrovo di artisti e musicisti. E’ stato
proprio in virtù del suo passato di quartiere degradato che molti
immigrati, prevalentemente dal Bangladesh, hanno scelto di aprire al
Pigneto attività commerciali di vario tipo, bazar e bar in particolare,
sfruttando il basso costo dei locali.

Durissima la reazione delle autorità, a cominciare dal sindaco Gianni
Alemanno: "Il raid e l’aggressione al Pigneto nei confronti di
cittadini extracomunitari, ai quali va la mia solidarietà, è un atto di
una gravità inaudita che mi lascia sdegnato e che non passerà sotto
silenzio. Mi sono già attivato con le forze dell’ordine affinché i
colpevoli di questo gesto siano presi e puniti in maniera esemplare".

Sulla stessa lunghezza d’onda il presidente della Regione Piero
Marazzo: "Roma è una città aperta e
multiculturale che non
ha nessuna intenzione di lasciare spazio a drammatici episodi di
razzismo e intolleranza e di rivivere anni bui e dolorosi di un passato
che vogliamo definitivamente vedere alle nostre spalle". E il
presidente della Provincia Nicola Zingaretti sottolinea che quello del
Pigneto è "un altro episodio di violenza e xenofobia che non è davvero
più possibile tollerare" e che "tutte le istituzioni dovrebbero
condannare duramente e con fermezza" perché "Roma ha bisogno di tornare
a respirare un’aria di pace, libertà e di vero rispetto nei confronti
del prossimo".

La Repubblica (24 maggio 2008)

This entry was posted in Rassegna stampa. Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *