Bolzano – Blitz contro gruppo neonazista


Blitz contro gruppo neonazista
Sedici arrestati tra i 16 e i 27 anni

Agli indagati sono contestati almeno otto episodi di violenza per motivi
razziali
Gli affiliati dell’associazione si riunivano in una costruzione in legno nel
bosco di Saltusio

BOLZANO – Sono accusati di incitamento alla discriminazione, odio e
violenza, per motivi razziali, etnici e nazionali: 16 giovani tra i 16 e i
27 anni sono stati arrestati dalla polizia di Bolzano sta eseguendo a
Merano, Scena, Tirolo, Lagundo e dintorni nell’ambito di un’operazione che è
stata chiamata Odessa, dal nome del piano predisposto dai nazisti con la
caduta di Hitler per mettere in salvo all’estero i gerarchi del Terzo Reich.

L’operazione, condotta dalla Digos della questura di Bolzano, arriva dopo
una complessa ed articolata indagine che ha individuato un consolidato e
consistente gruppo neonazista sudtirolese. Al gruppo sono contestati in
particolare 8 episodi di violenza (lesioni personali e intimidazioni)
consumati ai danni di giovani italiani e stranieri ritenuti dalle persone
indagate ‘diversi’ per motivi etnici, razziali e sociali.

Le indagini hanno permesso di ricostruire l’inquadramento gerarchico
all’interno del gruppo, i cui vincoli ‘camerateschi’ si rinsaldavano
sistematicamente attraverso contatti quotidiani, con incontri nella zona
boschiva di Saltusio dove veniva utilizzata una costruzione in legno (sulla
porta d’accesso la scritta ‘ein tirol’) con tutte le dotazioni iconografiche
tipiche della ideologia espressa dal gruppo (drappi, emblemi nazisti
inneggianti al reich tedesco, bandiere di guerra della marina tedesca, ecc.)
o in incontri rituali finalizzati a consacrare l’ingresso formale nel gruppo
di nuovi affiliati che in qualche modo restavano ‘affascinati’ da tali
modalità simboliche e immaginifiche.

Il gruppo era in contatto con movimenti di estrema destra attivi in Austria,
Svizzera e Germania . Nel corso dell’operazione, condotta anche con
l’ausilio del reparto prevenzione crimine di Padova, sono state eseguite
anche numerose perquisizioni domiciliari.

(17 aprile 2008)

Da
http://www.repubblica.it/2008/04/sezioni/cronaca/neonazisti-bolzano/
 

This entry was posted in Dossier. Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *