Roma non merita un sindaco fascista !

Roma non merita un sindaco fascista !

 

Il Comitato
Madri per Roma Città Aperta, ritiene che la possibilità di vedere Alemanno sindaco
di Roma,  costituisca un allarme sociale
e politico fortissimo e un rischio democratico enorme.

 L’eventuale
elezione a sindaco di Roma di Gianni Alemanno significherà la riduzione degli
spazi democratici nella vita quotidiana della nostra città e la libertà
“limitata” per i suoi cittadini.

 Associazioni
della società civile, realtà sociali impegnate sul diritto alla casa e al
lavoro, spazi sociali che, sono stati negli anni una potenzialità ed un valore
aggiunto in una città complessa con grandi trasformazioni sociali ed economiche
in atto, come Roma, vedrebbero chiudersi ogni spazio di agibilità, dietro
un’idea demagogica di ordine legalità e sicurezza.

 Facciamo
appello a tutte le forze sinceramente democratiche ed
antifasciste di questa città per comunicare il reale pericolo rappresentato dal
candidato Alemanno.

 Il nostro
voto a Rutelli e la sua elezione a Sindaco sarà comunque l’inizio per noi di un
impegno di intenso contraddittorio sul suo progetto per la città di Roma.

 Una città
che deve rimanerne APERTA a tutti, mantenendo
uno spazio civile e democratico per le lotte in difesa della casa e del lavoro,
per il rispetto della diversità di genere, per la difesa della
multiculturalità.

Un
confronto che pur difficile sarà per noi irrinunciabile.

 Una città
che deve rimanere ANTIFASCISTA rifiutando
la revisione delle origini della nostra storia democratica, rigettando
l’equidistanza, tracciata da Veltroni che ha  sdoganato nuove forme di fascismo e consentito
l’accreditamento sociale di centri  come
Casa Pound e Foro 753. Proprio in questi spazi trovano terreno fertile la
cultura dell’aggressione e dell’intolleranza che hanno armato la mano degli
assassini di Renato Biagetti.

 Una città
che deve rimanere DEMOCRATICA

 

Al sindaco fascista, diciamo no.

  Comitato Madri per Roma città Aperta

This entry was posted in Comunicati. Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *